Calzatura italiana, ripresa rimandataL''industria calzaturiera si dibatte ancora tra luci ed ombre.

Lug 04, 2018
Posted in: , Mercati

Archiviato il 2017 con indicatori moderatamente positivi – produzione oltre le 190 milioni di paia, export a 9,2 miliardi di euro (record degli ultimi 15 anni) e saldo commerciale a 4,54 miliardi di euro, +8,5% rispetto al 2016 – che avevano alimentato la speranza di una ripresa, il comparto riunito a Milano il 19 giugno in scarpe-6Assemblea Nazionale affronta la delusione di un primo trimestre con il freno tirato: “Il 2018 si è aperto con un rallentamento nelle vendite estere e nei ritmi produttivi. – ha annunciato il presidente Annarita Pilotti – L’export registra un timido +0,1% in valore, ma cala di oltre il 3% in volume rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Inoltre, preoccupano alcune criticità in determinate aree di sbocco internazionali. In particolare, in CSI il recupero rilevato nel 2017 si è interrotto e i primi tre mesi del 2018 registrano -7% in valore e -2% in quantità, con flessioni del 10% per la Russia. Si conferma anche la frenata in Far East (-6,3% in valore), dove l’ulteriore crescita di Cina e Corea del Sud non è bastata a compensare le perdite di Giappone e Hong Kong”.
Il mercato dell’UE, quello dove sono dirette 7 paia su 10 esportate, presenta un andamento deludente (+0,3% valori e -6% quantitativi), segnando volumi negativi di oltre 10 punti ass-scarpe-3-copiapercentuali in mercati chiave come Francia, Spagna, Belgio e Paesi Bassi. Extra-UE, ad eccezione dell’area CSI che inverte decisamente la rotta, tutti gli altri mercati approfondiscono le dinamiche evidenziate nel 2017: la Svizzera con +10% in valori e quantitativi consolida il ruolo di hub logistico; gli Usa allargano la forbice tra volumi e spesa (+10% e -10,2%); il Canada, anche grazie al CETA, segna +23% nei volumi.
Riprendono vigore le importazioni (+5%), con la Cina che segna +10% nei volumi, ma il saldo commerciale resta ancora largamente positivo a a 1.069 milioni di euro, segnando però -6% rispetto allo stesso periodo del 2017.
Quale strategia per superare l’attuale congiuntura? Le aziende associate rispondono concordi: puntare sul promettente mercato USA, e sul mix tra ricerca dei nuovi mercati, razionalizzazione dei costi e innovazione di prodotto.

Potrebbe interessarti anche
La calzatura mondiale, sempre più in tessuto

La calzatura mondiale, sempre più in tessuto

La calzatura in tessuto è l’outsider che sta vincendo la competizione globale: con +320% di esportazioni, uno share raddoppiato e attestato al 30% sia dei volumi che dei valori globali, un prezzo medio d’esportazione cresciuto del 92% nella decade 2007-2017, è la vera sorpresa dell’annuale rapporto sulla calzatura mondiale.

Il futuro del BBF nei nuovi mercati

Il futuro del BBF nei nuovi mercati

Presentato in occasione del 10.mo Luxury Summit del Sole 24 Ore, il nono rapporto “Esportare la dolce vita” di Confindustria esplora il potenziale del Bello e Ben Fatto italiano sui nuovi mercati, ipotizzando una crescita del 40% nei prossimi sei anni, con un export oscillante tra i 15-18 miliardi di euro. Con un 10% circa imputabile alla calzatura.

Calzatura italiana a freno tirato

Calzatura italiana a freno tirato

Dopo aver archiviato un 2017 con indicatori moderatamente positivi, ma sufficienti a far sperare in una inversione di tendenza, l’Assemblea Nazionale della Calzatura affronta la delusione di un primo trimestre 2018 con il freno tirato e guarda al ricambio generazionale nelle aziende.