Gli italiani e la moda onlineLo shopping online è una realtà sempre più concreta anche in Italia e riguarda sempre di più anche la moda. SEMrush ha fatto il punto della situazione, con un occhio di riguardo per le calzature. Proprio le calzature, infatti, insieme agli orologi sono i prodotti più ricercati online durante tutto l’anno. Preferibilmente rosse.

Dic 18, 2018
Posted in: , Mercati

Se solo fino a cinque anni fa gli acquisti su Internet riguardavano ancora una risicata minoranza degli italiani, oggi sono diventati una realtà sempre più concreta e che riguarda anche la moda, abbigliamento e accessori. Lo slogan ‘Acquista online’ è ormai presente ovunque, utilizzato dai brand per attrarre consumatori che cercano di rendere i loro acquisti molto più semplici e vantaggiosi spesso sotto il profilo economico, e non a caso i siti di vendita online di moda si stanno moltiplicando.
SEMrush, piattaforma SaaS per la gestione della visibilità online, ha effettuato un’analisi sul mercato italiano dei negozi fashion online, con un focus ulteriore sulle calzature, con risultati interessanti.
Il sito del settore fashion più potente in Italia è senza dubbio zalando.it, seguito da stileo.it e bonprix.it. Per quanto riguarda il mercato globale (dati di settembre 2018), invece, il sito più autorevole è diventato Macy’s (macys.com), dopo il quale troviamo ASOS e H&M.

Top 10 siti web del settore fashion in Italia:

  1. zalando.it
  2. stileo.it
  3. bonprix.it
  4. privalia.com
  5. yoox.com
  6. shopalike.it
  7. zara.com
  8. asos.com
  9. adidas.it
  10. hm.com

 

É curioso anche notare come cambia la vita del cliente online: ogni giorno tutto diventa più digitale e più smart, con i cellulari che rappresentano sempre di più lo strumento indispensabile per ricercare notizie e fare acquisti. Solo il 3.16% dei consumatori, infatti, visita i siti e-commerce da desktop e il 13.71% lo fa da mobile (dall’utilizzo globale dei device). L’Italia è il secondo Paese al mondo per percentuale di ricerche su mobile dopo gli Stati Uniti. Nonostante questo, siamo abituati a sentire che la maggior parte degli acquisti online anche oggi avviene da desktop e non da mobile.
Parlando di pubblicità online, che è senza dubbio uno dei metodi più potenti per la promozione di un prodotto, vediamo come in Italia le parole-chiave più usate negli annunci siano “nuova collezione” e “fino al”. Il TOP dei prodotti che i brand promuovono tramite advertising sono le scarpe, i jeans e le calze.
Il 72.15% dei proprietari di siti web spende per la pubblicità 0-5000 $ al mese, il 13.92% 10000-50000$ e solo il 2.53% investe più di 50000+ $ per gli annunci pubblicitari.
La percentuale di sconto più popolare per le pubblicità dei saldi di diversi brand In Italia e anche nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Nuova Zelanda e in Canada è stata del 50% in tutte le stagioni.
Focalizzando invece l’attenzione sui prodotti, vediamo che gli orologi e le scarpe sono gli oggetti più cercati durante tutto l’anno. Una crescita particolare delle ricerche avviene tuttavia in estate, in quanto gli oggetti più cercati oltre a quelli detti sopra diventano “cinture” (49500 ricerche) e “bikini“ (40500 ricerche), mentre per tutto il resto dell’anno sono “camicie” e “vestiti”.
Durante gli ultimi 12 mesi il brand più ricercato in Italia è Zara.

La lista dei fashion brand più cercati nel 2018:

  1. Zara
  2. HM
  3. Pandora
  4. Adidas
  5. Bershka
  6. Nike
  7. Gucci
  8. Stradivarius
  9. Louis Vuitton
  10. Mango

 

Un altro aspetto interessante da notare sono i colori dei prodotti che gli italiani cercano di più su Google: “maglietta rossa”, “scarpe rosse”, “vestito rosso”. L’abito bianco è al top per la ricerca globale, in UK il massimo risultato è, invece, per l’abito nero. “Rosso” è il nuovo “bianco” oppure è il colore preferito degli italiani? È curioso anche il fatto che gli australiani cerchino soprattutto scarpe color rubino e i canadesi scarpe gialle.

Per quanto riguarda i siti e-commerce e i marchi di moda più ricercati dai consumatori che utilizzano la parola-chiave specifica “online”, in Italia l’analisi ha rilevato che i siti di moda più digitati sono H&M e ZARA.

 

La calzatura e l’online

SEMrush ha anche condotto un approfondimento sulle calzature on-line, sia in termini di ricerca che di acquisti. I risultati mostrano che i marchi di calzature che gli italiani cercano di più online e più desiderati in termini di acquisto sono quelli appartenenti all’universo sportivo oppure i brand iconici del lusso.

 

Top 10 dei brand di scarpe più cercati online in Italia:

  1.  Nike
  2. Puma
  3. Adidas
  4. Gucci
  5. Saucony
  6. Timberland
  7. Hogan
  8. Geox
  9. Balenciaga
  10. Nero Giardini

 

Considerando esclusivamente i marchi del lusso Made in Italy, emerge una performance particolarmente rilevante da parte di Gucci, seppure con un andamento altalenante e con una flessione nel periodo estivo.

Il traffico più alto in Italia oggi lo hanno i siti di Gucci, Armani, MaxMara, Twinset e Patrizia Pepe. Interessante notare che i siti di Dolce&Gabbana e Fendi sono più visitati da mobile rispetto a MaxMara e Twinset (leader per traffico totale).

Per quanto riguarda in particolare le calzature, i brand più ricercati su Internet sono Gucci, Valentino, Armani, Chiara Ferragni e Prada. Bianco, nero, rosa e rosso sono invece i colori più ricercati nell’ambito delle scarpe di brand di lusso.

 

Top 5 luxury brand – SHOES:

  1. Gucci
  2. Valentino
  3. Armani
  4. Chiara Ferragni
  5. Prada
Potrebbe interessarti anche
Settore: cresce l’export e il peso del terzismo

Settore: cresce l’export e il peso del terzismo

L’accelerazione delle vendite estere nel quarto trimestre porta l’export 2018 a +3,6%, ma i quantitativi sono in calo. Il ruolo dell’alto di gamma e del terzismo nei flussi, e le regioni protagoniste. Cresce l’export di Lombardia e si consolidano Veneto e Toscana.

Calzatura italiana, più in Inferno che in Paradiso

Calzatura italiana, più in Inferno che in Paradiso

In occasione della videoconferenza stampa di Micam, il direttore di Assocalzaturifici Tommaso Cancellara ha presentato il non proprio lusinghiero pre-consuntivo settoriale del 2018 basato sull’indagine a campione condotta dal Centro Studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici. Diciamo che, per restare sulla metafora della Divina Commedia – tema della campagna di advertising della fiera, più che essere in Paradiso, stiamo tornando in Inferno.