L’etica del lavoro e i cavalli di PlatoneLa 37.ma edizione del Premio Fedeltà al Lavoro del Consorzio Santi Crispino e Crispiniano: i premiati, le celebrazioni e le future iniziative

Nov 09, 2017
Posted in: , News

s-crisp-cardinal-re
Il Cardinale Giovanni Battista Re

“Nel lavoro l’uomo e la donna realizzano se stessi”: con queste parole il Cardinale Giovanni Battista Re saluta imprenditori e dipendenti vincitori del 37.mo Premio Fedeltà al Lavoro promosso dal Consorzio dei Santi Crispino e Crispiniano di Vigevano. Prima della cerimonia di premiazione, svoltasi presso il Civico Teatro Cagnoni della cittadina pavese lo scorso sabato 21 ottobre, il Cardinale Re nel suo discorso insiste sulla necessità di dare un futuro lavorativo ai giovani d’oggi, si appella sia all’intelligenza e creatività dei lavoratori italiani, sia ai principi etici che dovrebbero sempre accompagnare l’agire economico e alla solidarietà, elemento ancora più necessario nel contesto alienante della globalizzazione. E si rifà alla metafora platoniana del carro trainato dai due cavalli che tendono ad andare in opposte direzioni, per spronare gli imprenditori a conciliare le due opposte istanze: il desiderio di ottenere profitto, rappresentato dal cavallo nero, e la ricerca del bene comune e per la società, rappresentato da quello bianco: “Solo guidando bene i due cavalli si va nella direzione giusta”.

Dopo questa sentita riflessione che ribadisce i valori fondanti il Premio Fedeltà del Lavoro – passione e abnegazione nel lavoro, ma mai disgiunta dall’aspetto umano e solidale -, il presidente del Consorzio dei Santi Calzolai, Mario Martinoli ha dato quindi il via alla cerimonia di conferimento dei diplomi a dieci imprenditori e nove dipendenti che si sono distinti per la fedeltà al lavoro calzaturiero. Una cerimonia come sempre molto partecipata dal pubblico che ha sostenuto i premiati con incitamenti e grandi applausi (nel box qui sotto, i loro nomi).

s-crisp-diploma-a-jesus-vasquez-garcia
Angelo Caserio, Jesus Vasquez Garcia e Mario Martinoli
s-crisp-spettacolo
Un momento dello spettacolo

La serata è proseguita quindi con lo spettacolo musicale “Ritratti in Musica” con Annalisa Ferrari e Nausicaa Magarini, interpreti di brani di alcune tra le maggiori esponenti del mondo musicale degli anni Settanta/Ottanta: da Patty Pravo a Mina, da Ornella Vanoni a Mia Martini…

s-crisp-pranzo-in-cavallerizza
Il pranzo in Cavallerizza

Il giorno successivo, le celebrazioni sono proseguite alla Chiesa di Gesù Divin Lavoratore: la processione dei figuranti della contrada dei Santi Crispino e Cripiniano ha accompagnato gli intervenuti in chiesa dove, al termine della Messa Solenne celebrata dal Cardinale Giovanni Battista Re, è avvenuta l’investitura del Mantello, simbolo dell’impegno di imprenditori e dipendenti nei confronti del lavoro e anche dell’adesione al Consorzio dei Calzolai. E’ seguito quindi il pranzo sociale all’interno della splendida cornice della Cavallerizza del Castello Sforza di Vigevano: un momento conviviale che ha rinsaldato legami e amicizie tra i vari attori del settore calzaturiero.

s-crisp-pranzo-in-cavallerizza-dettaglio
Momento conviviale

L’atto conclusivo delle celebrazioni, si è tenuto lunedì sera, con la Messa di Suffragio per i lavoratori e per i soci defunti del Consorzio. Tra questi vogliamo anche ricordare il nostro direttore Rino Panseri, che appena l’anno scorso aveva ricevuto l’investitura del Mantello e che ci ha lasciati pochi mesi fa.

A margine di questo 37.mo Premio Fedeltà al Lavoro, non smentendo la sua vocazione caritatevole, il Consorzio dei Santi Crispino e Crispiniano ha rinnovato la raccolta delle calzature da destinare in beneficienza. “La scorsa edizione, grazie alla generosità degli imprenditori del settore si sono raggiunte le 10.000 paia che abbiamo distribuito attraverso una rete di onlus in zone disagiate del pianeta. – dichiara Angelo Caserio, past president e portavoce del Consorzio – Quest’anno abbiamo raccolto circa tremila paia: ma siamo solo all’inizio della nostra campagna benefica. La nostra aspettativa è di arrivare a bissare il risultato dell’anno scorso”.

Ecco i “Mantellati” dell’anno 2017

s-crisp-mantellati
I mantellati 2017 sul sagrato della Chiesa di Gesù Divin lavoratore

Dieci imprenditori e otto dipendenti sono i vincitori del Premio Fedeltà al Lavoro 2017. La prima categoria annovera presenze internazionali, con lo spagnolo Isidro Aguado Sanchez di Elda ed il messicano Jesus Vasquez Garcia di Leon che, tra l’altro, oltre al Mantello del Consorzio dei Santi Crispino e Crispiniano ha già al suo attivo anche la Medaglia di San Crispino, conferita dal Comitato scientifico-tecnico di Leon. A loro si aggiungono: Gianfranco Bazzigaluppi dell’omonima Officina Bazzigaluppi di Vigevano (PV); Stefano Branchini di Branchini Shoes di Napoli; Mario Cerutti del Calzaturificio Cerutti di Vigevano; Italo Milan di Vigevano; Lina Osto del calzaturificio Eugenio Nebuloni di Canegrate (MI); Claudio Roberto Panizzolo del Calzaturificio Maripè di Fiesso d’Artico (VE); Lorenzo Sempio di SF Italia di Vigevano, e Fabrizio Tagliafierro del Calzaturificio Tavares di Taverola (CE).

Il Premio Speciale quest’anno viene conferito a Daniela Aniassi del Cimac di Vigevano: perito chimico-industriale, viene premiata per l’attività svolta dal 1988 in seno al Centro Italiano Materiali di Applicazione Calzaturiera, che la vede oggi ricoprire il ruolo di responsabile del laboratorio chimico.

A premiare i dipendenti sono le aziende: Brustia Alfameccanica premia Ferdinando Bertolle (39 anni), Angelo Cardano (45 anni) e Paolino Sapelli (41 anni); il Calzaturificio Moreschi premia Anna Maria Bressan (37 anni), Andrea Camola (38 anni) e Anna Maria Currao (40 anni); Calzaturificio Caimar-Martinoli premia Rosanna Pepe (30 anni). L’ultimo premiato è anche il più longevo lavoratore: Carlo Fossati con ben 65 anni di servizio, di cui 30 all’interno del Calzaturificio Speroni!

Potrebbe interessarti anche