La scarpa e la borsa si alleano a Riva del GardaExpo Riva Schuh, alla sua 92.ma edizione, si presenta dal 15 al 18 giugno con una selezione merceologica in linea con le esigenze dei mercati globali e spazi espositivi rinnovati.

Mag 21, 2019
Posted in: , Fiere & Eventi

Expo Riva Schuh e Gardabags uniscono le forze e si presentano all’appuntamento di giugno nell’unica location nel 91_edition_exporivaschuh_33Palafiere in via Baltera a Riva del Garda. Così, assieme, danno vita al più grande hub internazionale di business con un’offerta integrata calzature e accessori, per il comparto di volume. Mentre la selezione dedicata alla calzatura torna ad animare l’esposizione nei padiglioni A-B-C, su una superficie di 34.500 metri quadrati, le borse di Gardabags debuttano invece su uno spazio di 4.000 metri quadrati nel nuovo 91_edition_exporivaschuh_29Hangar D.
“Stiamo portando avanti una strategia coerente con la nostra mission: offrire una sempre più accurata selezione della proposta merceologica accompagnata da servizi innovativi e dal rinnovamento degli spazi – dichiara il direttore di Riva del Garda Fierecongressi Giovanni Laezza- l’unione in un’unica location delle due manifestazioni offre a buyer e professionisti un percorso unico e completo. Raccogliamo ad ogni edizione i principali player della produzione a livello mondiale, in particolare da Cina, Italia e India, e creiamo per loro una piattaforma di incontro 91_edition_exporivaschuh_12con le diverse professionalità del settore, attirando operatori da oltre 100 paesi. Il nostro punto di forza è la profonda conoscenza dei mercati, unita alla grande flessibilità nel rispondere alle esigenze del settore calzaturiero globale”.
In totale, Expo Riva Schuh+Gardabags presenterà una offerta di oltre 1.500 espositori provenienti dai principali distretti produttivi mondiali, con gli allestimenti mirati del Top China fashion e dell’India Hall, e collettive estere da paesi come Brasile, Portogallo, Spagna, Hong Kong, 91_edition_exporivaschuh_04Tunisia… Sul fronte dei visitatori, la scorsa edizione attestati a circa 13mila unità, si attendono buyer, catene di negozi, grandi distributori, ma anche catene fast fashion, private label ed e-commerce. Abbastanza per dare vita, come ogni edizione, ad una stagione delle vendite vivace e business oriented.
Un momento importante di confronto e di analisi dei trend in atto sui mercati globali sarà invece offerto dall’opening talk inaugurale, 91_edition_exporivaschuh_14intitolato “La sostenibilità di filiera del sistema moda”, al quale prenderanno parte istituzioni, membri delle associazioni, imprenditori e stampa internazionale.
Caratteristica di Expo Riva Schuh è anche quella di essere una fiera diffusa: selezionati brand esporranno le loro collezioni presso le strutture alberghiere di Riva del Garda, integrandosi nel percorso espositivo grazie ad un comodo collegamento navette.
Infine, il contesto unico in cui si svolge la manifestazione, l’Alto Garda, offre ai partecipanti un incentivo in più per trascorrere piacevoli ore del dopo fiera tra paesaggi incantevoli e sapori della enogastronomia locale.

Potrebbe interessarti anche
Report Expo Riva Schuh 92°

Report Expo Riva Schuh 92°

Alla 92° edizione di Expo Riva Schuh oltre 1.500 espositori hanno presentato le loro nuove collezioni PE 2020 ed il pronto moda AI 2019/20 .
Il report di Expo Riva Schuh di Giugno 2019 è disponibile.

Il made in Italy incontra la Russia e l’ex CSI

Il made in Italy incontra la Russia e l’ex CSI

E’ con un sentimento attendista che le aziende calzaturiere italiane guardano ai prossimi appuntamenti fieristici in Ucraina, Kazakistan e Russia, La moda italiana ad Almaty, La moda italiana a Kiev e Obuv mir Koži a Mosca. Perdura infatti in queste aree il trend negativo delle vendite.

Le nuove sfide del lusso (e non solo)

Le nuove sfide del lusso (e non solo)

Al Luxury Summit organizzato da 24Ore Business School a Milano lo scorso giugno si è parlato dell’impatto dello sviluppo tecnologico sui comportamenti d’acquisto e delle nuove strategie dei marchi, ma ampio spazio è stato anche dedicato al tema della sostenibilità, che va sempre più intesa come un concetto che riguarda l’intera filiera, e non tanto la singola azienda. Una sostenibilità a 360 gradi, che vede l’inclusività (e in particolare la disabilità) anche come un’opportunità per crescere in termini di consensi e ritorno economico.