EKS: la calzatura di qualità a IstanbulGiunta alla sua quinta edizione, la fiera di Istanbul fa un primo bilancio positivo dell’attività svolta in questi anni e punta con forza su una maggiore internazionalizzazione, anche attraverso l’offerta di pacchetti ‘all inclusive’ molto vantaggiosi per gli espositori.

Mag 30, 2018
Posted in: , Fiere & Eventi , Interviste

erkan-demir2-lowEKS è arrivata alla sua quinta edizione: qual è il vostro primo bilancio?

EKS è una fiera rivolta al mercato di alta gamma, soprattutto ai negozianti, ma anche ai grossisti di calzature che mirano a fare gli ultimi ordini a completamento della loro collezione. Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti in queste prime cinque edizioni, perché il numero degli espositori ha avuto una crescita lenta ma sempre costante. Inoltre, per incentivare la partecipazione alla manifestazione, proponiamo come novità il soggiorno gratuito in hotel per tutta la durata della fiera e, nel caso di marchi particolarmente importanti e di rilevanza internazionale, anche un pacchetto comprensivo di volo, hotel e stand. Per quanto riguarda i brand italiani, saremo felici di accoglierli a braccia aperte!

Oggi da dove provengono principalmente i vostri espositori?

Attualmente la grande maggioranza dei nostri espositori è turca, ma abbiamo anche alcuni russi che realizzano in Turchia la loro produzione. Il nostro obiettivo prioritario è però quello di ampliare l’internazionalità della manifestazione, anche attraverso l’offerta alle aziende italiane o spagnole – ad esempio – del pacchetto completo volo-hotel-stand descritto prima.

EKS si svolge a maggio e presenta le collezione per il prossimo inverno 2018-19: non pensate che sia un po’ tardi per proporre ancora le collezioni invernali?

Per il mercato turco queste date sono corrette per la presentazione delle collezioni invernali, tanto più che tra i compratori vi sono numerose boutique che scelgono la nostra manifestazione per fare gli ultimi ordini di pronto moda e offrire così alla loro clientela le ultimissime novità del mercato e i trend davvero dominanti. Rispetto ad altre fiere nostre concorrenti, noi miriamo a coinvolgere produttori di calzature di alta qualità e per questo stiamo puntando con forza sulla partecipazione anche di aziende straniere oltre che turche.

Siete, inoltre, rappresentanti di fiere in Ucraina…

Esattamente, siamo rappresentanti in Turchia di due fiere ucraine: Leather & Shoes a Kiev, in programma dal 17 al 20 luglio, dedicata al prodotto finito e ai componenti, e Expo Shoes, sempre a Kiev, dal 2 al 5 Ottobre 2018. Proprio dal lavoro svolto in questi anni per queste manifestazioni è nata l’idea di internazionalizzare EKS, dal momento che sia l’Ucraina che la Turchia hanno uno stretto legame in tema di import ed export di calzature e pelletteria, di cui la crescente presenza di nostre aziende in Ucraina, ma anche in Russia, è la prova più significativa.

Oltre che attraverso queste fiere, in quale altro modo cercate di promuovere la vostra immagine a livello internazionale?

Il prossimo giugno saremo presenti a Expo Riva Schuh a Riva del Garda con l’obiettivo di promuovere l’edizione autunnale, di fine ottobre-novembre, di EKS. Abbiamo scelto questa manifestazione proprio perché la riteniamo la più vicina al nostro target.
Abbiamo anche in programma un progetto di più ampio respiro da realizzare in stretta collaborazione con il ministero dell’Interno per la realizzazione e l’ampliamento della prossima edizione di ‘EKS Raw Materials’, dedicata a materiali, componenti ed accessori per l’industria calzaturiera, da tenersi all’inizio di febbraio e all’inizio di luglio.

Potrebbe interessarti anche
Report Expo Riva Schuh 92°

Report Expo Riva Schuh 92°

Alla 92° edizione di Expo Riva Schuh oltre 1.500 espositori hanno presentato le loro nuove collezioni PE 2020 ed il pronto moda AI 2019/20 .
Il report di Expo Riva Schuh di Giugno 2019 è disponibile.

Il made in Italy incontra la Russia e l’ex CSI

Il made in Italy incontra la Russia e l’ex CSI

E’ con un sentimento attendista che le aziende calzaturiere italiane guardano ai prossimi appuntamenti fieristici in Ucraina, Kazakistan e Russia, La moda italiana ad Almaty, La moda italiana a Kiev e Obuv mir Koži a Mosca. Perdura infatti in queste aree il trend negativo delle vendite.

Le nuove sfide del lusso (e non solo)

Le nuove sfide del lusso (e non solo)

Al Luxury Summit organizzato da 24Ore Business School a Milano lo scorso giugno si è parlato dell’impatto dello sviluppo tecnologico sui comportamenti d’acquisto e delle nuove strategie dei marchi, ma ampio spazio è stato anche dedicato al tema della sostenibilità, che va sempre più intesa come un concetto che riguarda l’intera filiera, e non tanto la singola azienda. Una sostenibilità a 360 gradi, che vede l’inclusività (e in particolare la disabilità) anche come un’opportunità per crescere in termini di consensi e ritorno economico.