Dior al VAM: Il New Look, l’influenza e l’amore per l’UKA Christian Dior “Lo stilista dei sogni” il V&A Museum (VAM) di Londra dedica una mostra che traccia dal 1947 ad oggi la storia e l’impatto di uno dei più importanti couturier del XX secondo, nonchè la relazione con l’UK, paese amato dallo stilista.

Feb 04, 2019
Posted in: , News

christian-diorHa innescato una rivoluzione con il suo New Look e, da allora, non ha mai smesso di influenzare la moda e la cultura mondiale con i suoi strepitosi vestiti. Anche gli accessori sono

Mandatory Credit: Photo by Anthony Harvey/REX/Shutterstock (10076877be) Shoe detail Christian Dior: Designer of Dreams exhibition, V&A museum, London, UK - 30 Jan 2019

diventati protagonisti nei suoi defilé, è stato infatti lui a far sfilare per la prima volta sui tacchi a spillo. Poi Vigevano riuscirà a far diventare industriale la sua invenzione, ma questa è un’altra storia.
La mostra al VAM espone vestiti e accessori della prolifica creatività di Christian Dior, tra cui i celebri abiti con gonna a

Mandatory Credit: Photo by Anthony Harvey/REX/Shutterstock (10076877ag) Shoe detail Christian Dior: Designer of Dreams exhibition, V&A museum, London, UK - 30 Jan 2019

corolla. Tra le scarpe si possono ammirare decolleté finemente ricamate e stampate a temi floreali, pantofoline cinesi con linguetta arrotondata all’insù, sandali con rami di corallo e anemoni fioriti…
La parabola artistica di Christian Dior durò poco, appena

Mandatory Credit: Photo by Anthony Harvey/REX/Shutterstock (10076877bd) Shoe detail Christian Dior: Designer of Dreams exhibition, V&A museum, London, UK - 30 Jan 2019

dieci anni, periodo di tempo sufficiente ad introdurre un nuovo concetto di femminilità, una silhouette con vitino stretto nella mitica guepière e con gonne sontuose che si allargavano come tanti petali a coprire le gambe. Amante dell’UK fu da lei ricambiato, e la stessa regina Elisabetta II è stata una delle sue prime e più fedeli fan.
L’influenza di Christian Dior non si interrompe con la sua prematura morte a Montecatini Terme nel 1957, ma continua ad ispirare i giovani couturier e la sua Maison, che ne porta avanti l’eredità da ormai sessant’anni. La mostra affianca il Dior storico alle nuove collezioni, tracciando un filo di continuità tra le une e le altre.

Potrebbe interessarti anche