Congiuntura di settore: giù le quantità, su i valoriUn quadro “poco brillante” con un mercato interno ancora in crisi e i mercati esteri a fare ancora da traino.

Dic 20, 2018
Posted in: , Mercati , News

E’ quanto delineato dall’indagine a campione condotta dal Centro Studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici che riguarda i primi nove mesi del 2018. Mesi in cui la produzione nazionale ha subito un’ulteriore contrazione, del 2,4% nei volumi, con -5% solo nel terzo trimestre.ind-calzaturificio-video
Da gennaio ad agosto 2018 i dati Istat sulle esportazioni fanno emergere nuovamente un quadro a luci ed ombre: da un lato calano i quantitativi, fissi a 143,6 milioni di paia, -3,1%, dall’altro aumentano i valori a quota 6,5 miliardi di euro, un record assoluto che si riflette sul saldo commerciale estero ancora largamente positivo, sebbene in flessione: 2,9 miliardi di euro.
calzaturificioLa destinaziona principale dell’export italiano resta l’UE (7 paia su 10 esportate) che registra +2,7% in valore, ma con andamenti altalenanti nei diversi mercati: in Germania, prima destinazione per quantitativi, i numeri sono stabili (+0,2%) e i valori aumentano del +2,4%. Calano invece Francia, Spagna, Paesi Bassi e UK (rispettivamente -8,7%, -9,8%,13,9% e 1,1% in quantità).
Più soddisfacenti le vendite extra-UE (+4,7% in valore e +3,6% n quantità) che segnano +4,7% in valore e +3,6% in quantità. Tra i mercati più performanti ci sono la Svizzera (+15%) e la Cina (+20%): la prima industria-calzaturiera-scarpe-produzione-imagoeconomica-koae-835x437ilsole24ore-websi conferma l’hub commerciale preferito dai brand italiani, la seconda assieme alla Corea del Sud (+11%) compensa l’andamento negativo di Hong Kong e Giappone (rispettivamente -7% e -3,9%) sul mercato asiatico. Bene anche il Nord America, con Usa al +4,5% in volume e Canada che vola a +23,4% grazie al Ceta.
La nota dolente arriva invece dal mercato russo che appprofondisce la crisi, arretrando

Milan, Italy. 14/09/2018. At the Assocalzaturifici headquarters in Milan (Assocalzaturifici is the Italian Footwear Manufacturers’ Association) press conference to present the upcoming MICAM 86 edition. The Assocalzaturifici and Micam President Annarita Pilotti.

dell’11,3% in volume: “I livelli restano purtroppo al di sotto quasi del 50% in valore rispetto allo stesso periodo pre-crisi del 2013- dichiara Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici – questo spiega le forti difficoltà che devono affrontare le aziende dei distretti da sempre votati a questo mercaato e, più in generale, della CSI”.
Altre piazze in negativo: il Medio Oriente (-7,6%) con UEA al -1,5% e Arabia Saudita al -14,7%.
E l’talia? Il mercato nazionale è ancora stagnante, con 0,8% in quantità e -0,9% nei valori. Un solo comparto a traina le vendite, quello delle sneaker, alle quali – tra l’altro – la prossima edizione di Micam (febbraio 10-13) dedicherà un progetto ad hoc: PLUG.MI.
L’attuale congiuntura finisce inevitabilmente per impattare sulle aziende (-2,5%) e addetti del settore (-314 unità dall’inizio dell’anno).

Potrebbe interessarti anche
Settore: cresce l’export e il peso del terzismo

Settore: cresce l’export e il peso del terzismo

L’accelerazione delle vendite estere nel quarto trimestre porta l’export 2018 a +3,6%, ma i quantitativi sono in calo. Il ruolo dell’alto di gamma e del terzismo nei flussi, e le regioni protagoniste. Cresce l’export di Lombardia e si consolidano Veneto e Toscana.

Calzatura italiana, più in Inferno che in Paradiso

Calzatura italiana, più in Inferno che in Paradiso

In occasione della videoconferenza stampa di Micam, il direttore di Assocalzaturifici Tommaso Cancellara ha presentato il non proprio lusinghiero pre-consuntivo settoriale del 2018 basato sull’indagine a campione condotta dal Centro Studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici. Diciamo che, per restare sulla metafora della Divina Commedia – tema della campagna di advertising della fiera, più che essere in Paradiso, stiamo tornando in Inferno.